epatomegalia


гепатомегалия фото L'epatomegalia è un aumento fisiologico o patologico nei parametri metrici del fegato, manifestato diffusamente o localizzato e non in tutte le situazioni accompagnate da danni agli epatociti. L'epatomegalia del fegato può osservato in una versione isolata, che è più spesso dovuta alla patologia organica di questo organo o in combinazione con splenomegalia, che è una manifestazione di cambiamenti sistemici nel corpo umano ( insufficienza cardiaca , endoflebite delle vene epatiche).

La diagnosi di epatomegalia non presenta difficoltà per gli specialisti esperti anche durante l'esame obiettivo primario del fegato del paziente, in caso di un significativo aumento delle sue dimensioni, una forma tumorale localizzata nel giusto ipocondrio viene spostata durante l'esecuzione di movimenti respiratori. In una situazione in cui la sindrome da epatomegalia nel paziente ha un lungo periodo di tempo e un carattere pronunciato, si nota anche una deformazione del torace.

La diagnosi dell'epatemagia solo sulla base della percussione e della palpazione è estremamente dubbia, quindi, per una verifica affidabile della diagnosi, è obbligatorio l'uso di tecniche strumentali di imaging. La palpazione fornisce dati più definiti. In condizioni normali la palpazione, il bordo del fegato ha una consistenza morbida e assolutamente indolore. Quando l'epatomegalia, a causa della lesione organica del parenchima epatico, esiste un aumento simultaneo dell'organo e la sua compattazione.

Cause di epatomegalia

La funzione fondamentale del fegato, come organo, è la scissione dei prodotti metabolici in componenti che non mostrano segni di tossicità, liberamente isolati dal corpo dal naturale processo di movimenti intestinali e di urinazione. La scissione dei prodotti metabolici è un processo chimico complesso mirato a neutralizzare sostanze tossiche e veleni. La malattia "epatomegalia" nella maggior parte dei casi è accompagnata da una disfunzione della funzione di disintossicazione degli epatociti, in modo che il corpo accumula eccessivamente i veleni e / o le tossine che avvelenano il corpo del paziente. Molti medici non considerano l'epatomegalia come una nosologia indipendente e utilizzano il termine "sindrome dell'epatomiegalia", che riflette i cambiamenti patologici nello stato del macroorganismo.

Tutti i fattori etiologici che provocano lo sviluppo dell'epatomegalia sono divisi in tre grandi categorie: patologie epatiche organiche, condizioni patologiche, accompagnate da una violazione dei processi metabolici nel corpo, malattie del profilo cardiovascolare.

Il danno epatico biologico si sviluppa a seguito di danni diretti agli epatociti, accompagnati da edema dei tessuti circostanti e l'avvio di processi rigenerativi nel parenchima epatico. In una situazione in cui l'epatomegalia epatica è causata da gonfiore, le misure antiinfiammatorie arrestano rapidamente questo processo e le dimensioni del fegato vengono normalizzate in breve tempo. I processi rigenerativi che si verificano nel fegato con danni agli epatociti provocano un'epatomialgia persistente e, a causa della crescita della componente sclerozante interstiziale del carattere focale, la superficie del fegato diventa instabile.

Come malattia epatica epatica per lo sviluppo dell'epatemagia, si possono verificare varie patologie organiche in forma di epatite infiammatoria, cirrosi epatica, cisti epatococciali, cancro, presenza di una moltitudine di strutture contenenti fluidi nel parenchima epatico, un avvelenamento tossico generale dell'organismo, con il ruolo di un agente veleno variato sostanze (farmaci, alcol, tossine alimentari).

Le malattie sistemiche accompagnate da sviluppi di disturbi metabolici nel corpo, in quasi il 90% dei casi sono accompagnati dallo sviluppo di epatomegalia, che può essere sia moderata che grave. La malattia di epatomegalia in questa situazione si sviluppa a seguito di un accumulo eccessivo di prodotti metabolici, in relazione ai quali queste patologie si combinano in un unico concetto di "malattia di accumulo".

Le forme etiopatogenetiche più comuni di malattie di accumulo accompagnate da epatomegalia includono: emocromatosi , steatosi, amiloidosi e degenerazione epatocellulare. Alcune di queste patologie sono geneticamente determinate e, come un meccanismo d'innesco per lo sviluppo di emocromatosi, agiscono, ad esempio, fattori etiologici modificabili, eliminando i quali possono livellare le manifestazioni dell'epatomegalia. Nell'emergere di epatomegalia causata da disturbi metabolici, il più importante è il fattore alimentare ( obesità , alcolismo, assunzione incontrollata di farmaci).

Insufficienza della circolazione del sangue, che accompagna il corso della pericardite constrittiva, provoca stasi di sangue, ipossia e gonfiore di tutti gli organi, senza escludere il fegato. Il risultato dell'edema del parenchima epatica è la distruzione e la compressione degli epatociti, al cui interno si sviluppa il tessuto connazionale, accompagnato da epatomegalia. Il risultato dell'ematomegalia nella maggior parte delle situazioni è la cirrosi del fegato , che è una condizione terminale, seguita da una riduzione inversa dell'organo.

Spesso l'epatomegalia può svilupparsi durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, in quanto un aumento significativo dell'utero provoca uno spostamento del fegato e verso destra, e il parenchima diventa più sanguigno. Come risultato di una diminuzione della funzione motoria del diaframma, l'escrezione della bile è difficile. La colestazione intraepatica , osservata nel 20% delle donne in gravidanza, che è patologia ereditaria, si manifesta sempre con l'epatomegalia.

L'epatomegalia nel primo trimestre della gravidanza è un processo fisiologico reversibile dovuto alla tossicosi. Una situazione simile è osservata nel 2% dei casi e completamente livellata a 20 settimane di gravidanza .

L'epatomegalia fisiologica in un bambino del periodo neonato si verifica anche molto spesso, tuttavia, nel normale corso della sua manifestazione scompaiono abbastanza rapidamente. Tra le cause dell'epatemalgia patologica nei neonati, le malattie infettive e l'ostruzione del canale biliare sono spesso osservate. L'epatomegalia in un bambino con età è molto meno comune e si sviluppa più spesso con intossicazione.

Sintomi e segni di epatomegalia

Le manifestazioni cliniche dell'epatomegalia dipendono direttamente dal fattore etiopatogenetico della sua presenza. I sintomi comuni per tutte le malattie accompagnate da epatomegalia sono l'apparenza di dolorose sensazioni e sensazioni di rigidità nell'ipocondrio giusto derivante da movimenti e respirazione. Fenomeni dyspeptici spesso accompagnano il corso dell'epatomegalia e si manifestano come nausea, bruciori di stomaco e alito cattivo, sgabelli sotto forma di diarrea o costipazione.

Una manifestazione specifica dell'epatomegalia nella lesione infiammatoria del parenchima epatico è l'apparenza di icterus della pelle e della prurito della pelle . Un fegato allargato è accompagnato da un aumento della densità di parenchima, e quindi il bordo del fegato è facilmente visibile sotto il giusto arco costale e la palpazione provoca sensazioni sgradevoli nel paziente. Le sensazioni dolorose nell'epatite con epatite provocata dall'epatite sono permanenti e provocano gravi disagio da parte del paziente. L'epatomegalia del fegato con l'epatite è sempre accompagnata dallo sviluppo di sintomi icterici e di intossicazione, manifestati da debolezza, febbre subfebrile, mal di testa. La diagnosi tempestiva dell'epatomegalia, la verifica della causa del suo verificarsi e la scelta di un adeguato regime di terapia farmacologica possono eliminare completamente la sindrome da epatoma.

La cirrosi del fegato in una fase iniziale di sviluppo è accompagnata anche da uno sviluppo dell'epatomegalia, ma la sua comparsa non è dovuta al gonfiore del parenchima, ma alla distruzione massiccia degli epatociti e alla sostituzione del parenchima epatico da parte del tessuto connettivo. Con il continuo processo patologico, il parenchima epatico è completamente sostituito da tessuto connettivo. Le manifestazioni specifiche dell'epatomegalia nella cirrosi epatica sono frequenti episodi di sanguinamento, un colore terroso della pelle e una sindrome del dolore lancinante nell'ipocondrio destro di un carattere permanente.

In una situazione in cui l'epatomegalia viene innescato non dal danno al parenchima epatico, ma da disturbi metabolici di un carattere ereditario o acquisito, vi è un eccessivo accumulo di glicogeno accompagnato da un lento aumento della dimensione del fegato. Oltre agli effetti dannosi sul fegato, c'è una lesione della milza e dei reni, che aumentano anche. L'epatomegalia con l'emocromatosi si sviluppa come la cirrosi del fegato, ma oltre al danno epatico vi è un danno al parenchima polmonare, quindi oltre ai sintomi dell'epatemagia il paziente sviluppa una tosse intensa con scarico di espettorato sanguigno.

Un esame obiettivo di un paziente affetto da epatomegalia, consistente nell'uso della palpazione e della percussione, non consente di apprezzare appieno le dimensioni degli organi e dei cambiamenti patomorfologici nella struttura del fegato. Tuttavia, la diagnosi di ultrasuono consente di stabilire la causa dell'epatemagia e la presenza di lesioni focali del parenchima. Con la scansione a ultrasuoni, il medico di diagnostica delle radiazioni valuta non solo l'allargamento del fegato, ma anche la sua posizione topografica, i cambiamenti nella struttura epatica.

La scansione a ultrasuoni consente di valutare il grado di aumento del fegato, nonché dello stato di altri organi della cavità addominale. Informazioni più dettagliate sullo stato del fegato in epatomegalia possono essere ottenute con l'aiuto di una tecnica del tipo echogepatografiya.

I segni eco di epatomegalia sono di grande importanza nella verifica della malattia di fondo, che è stata la causa dello sviluppo di questa condizione patologica. L'epatomegalia con insufficienza cardiaca, epatite acuta o malattie parassitarie non è accompagnata da un cambiamento nell'ecostruttura del fegato, che rimane omogeneo. In una situazione in cui l'epatomegalia è provocata da epatite grassa , cirrosi e epatite cronica, l'echostruttura dell'organo e l'ecocardiogramma dell'epatomegalia sono disturbati da un carattere focale.

Sulla base della valutazione degli echi dell'epatomegalia, la portata del danno epatico può essere stimata in modo affidabile. Pertanto, l'ematomegalia espressa è un segno di un aumento patologico ma reversibile dei parametri epatici, che si osserva per esempio con l'emoplasma e la leucemia . Successivamente, i focolai di necrosi e crescita interstiziale appaiono nel parenchima epatico. Il fegato in questo caso raggiunge dimensioni estremamente grandi e occupa una parte significativa della cavità addominale, esercitando un effetto compressivo sugli organi adiacenti.

L'individuazione di epatomeagalia grave deve necessariamente essere accompagnata da una valutazione della struttura, del profilo e del vascolare. In una situazione in cui l'epatomegalia pronunciata è accompagnata dall'aspetto di aree di densità rocciosa, occorre considerare lesioni tumorali del fegato.

Diffuse hepatomegaly

Il termine "epatoma di fegato diffuso" deve essere utilizzato quando i parametri epatici superano i 130 mm. Il parenchima del fegato è suddiviso in due grandi lobi, ognuno dei quali è fornito di sangue proveniente da vari vasi, e presenta inoltre una innervazione separata e una secrezione biliare. L'epatomegalia diffusa implica la sconfitta di tutte le parti del parenchima epatico.

La flora streptococcica e stafilococcica provoca lo sviluppo di una varietà di ascessi nel parenchima epatico, che si riferisce alla forma diffusa dell'epatomegalia. Le manifestazioni di epatomegalia in questo caso consistono in tachicardia , dolore dolorante nell'ipocondrio destro, irradiante nella cintura umorale superiore, gravi brividi. Il trattamento di epatomegalia diffusa dovuto all'infezione ascessa implica l'uso di strumenti chirurgici, dal momento che il trattamento farmacologico in questa situazione non dà il giusto effetto.

Le lesioni diffuse del parenchima epatico, accompagnate da epatomegalia, possono anche verificarsi con danni tossici al corpo e alla cirrosi. In questa situazione, l'epatomegalia si combina spesso con un aumento della dimensione della milza e l'aspetto di segni di ipertensione portale .

L'epatomegalia diffusa si sviluppa spesso come conseguenza di un danno dell'organo infiammatorio. In condizioni normali, il fegato è uniforme in struttura e non vi sono deformazioni o densità. Con l'epatomegalia diffusa, si sviluppano moderati cambiamenti nella struttura del fegato con la completa conservazione della funzione epatica. Con grave ematoma diffusa, l'insufficienza epatica si sviluppa gradualmente, si sviluppa l'intossicazione e si osserva una tendenza a ricorrere allo sanguinamento. L'epatomegalia diffusa può svilupparsi sia contro uno sfondo di malattie epatiche, sia con danni sistemici al corpo, causati da disturbi metabolici o da intossicazione.

Tra le ragioni dello sviluppo dell'epatomegalia diffusa dovrebbe essere considerata anche l'uso a lungo termine di droghe o abuso di alcol, il cui effetto tossico provoca inevitabilmente una violazione della funzione epatica, una variazione nella struttura e nei parametri metrici dell'organo.

La diagnosi della forma diffusa di epatomegalia è basata su un esame a ultrasuoni e, in presenza di eventuali modifiche della struttura del parenchima epatico, viene mostrato al paziente un ulteriore esame di laboratorio (test di sangue biochimico, marcatori di epatite virale, oncomarkers).

Il legame fondamentale nel trattamento dell'epatemalgia diffusa è la rigorosa adesione alla dieta con un completo rifiuto di cibi grassi, l'alcool e l'utilizzo di fondi la cui azione è diretta alla disintossicazione del corpo nel suo complesso e soprattutto al fegato.

Hepatomegalia moderata

Con moderata epatomegalia si intende un leggero aumento dei parametri metrici del fegato, non superiore a 20 mm, che può essere diagnosticato solo con l'uso di tecniche strumentali di imaging. I segni clinici di moderata epatomegalia, di regola, sono minimi, il che rende difficile la diagnosi di questa condizione presto. Le manifestazioni cliniche dell'epatemagia moderata appaiono solo con un corso prolungato e lesione organica del parenchima, accompagnata da una violazione della funzione dell'organo. Così, l'epatomegalia moderata tende a progredire e provocare un disturbo significativo della salute del paziente.

I segni tipici dell'epatemalgia moderata sono manifestazioni di generalizzazione a forma di debolezza non motivata, rapida affaticamento, che non hanno nulla a che vedere con l'attività fisica di una persona. L'epatomegalia moderata non provoca quasi mai una grave sindrome del dolore nella cavità addominale, ma alcuni pazienti affetti da questa patologia notano un'apparenza periodica di sgradevoli sensazioni di gravità nell'epigastrio a destra, bruciori di stomaco e una violazione dell'appetito sotto forma di diminuzione. L'apparenza di tali manifestazioni non specifiche di epatoma moderata dovrebbe essere la causa di un ulteriore esame strumentale del paziente per eliminare la causa della sua comparsa. Il collegamento iniziale nella diagnosi di hepatomegalia moderata è la scansione ad ultrasuoni della cavità addominale, tuttavia, bisogna tener presente che in alcuni pazienti l'ecografia può essere difficile e, inoltre, deve essere eseguito un esame tomografico del computer degli organi della cavità addominale.

I sintomi della hepatomegalia lieve possono spesso essere di natura parziale, cioè l'aumento del fegato non è diffuso, ma a causa delle modifiche nelle aree limitate del parenchima epatico, i cui echi sono la rilevazione di aree di danno strutturale sotto forma di ascessi, tumori, metastasi.

L'epatomegalia moderata è spesso provocata da una malattia come l'ematoma grasso, la cui base patomorfologica è la degenerazione degli epatociti in cellule adipose. Il principale fattore etiopatogenetico nello sviluppo di epatemediale moderata a causa di epatite grassa è l'obesità alimentare, cioè il consumo umano di un gran numero di grassi semplici. L'epatite grasso si riferisce alla forma lentamente progredita dell'epatemagia e si distinguono diverse fasi nella patogenesi del suo sviluppo.

Trattamento dell'epatomegalia

La scelta di un adeguato regime di trattamento per l'epatomegalia dipende in gran parte dalla forma etiopatogenetica di questa patologia e dalle caratteristiche individuali del corpo del paziente. Il compito primario del medico curante che osserva il paziente con l'epatomegalia è quello di determinare la causa principale dello sviluppo di questa sindrome e l'uso della terapia empirica, ossia di un trattamento medico o chirurgico finalizzato all'eliminazione del fattore etiologico. Le misure terapeutiche di orientamento sintomatico sono di importanza secondaria, ma devono essere incluse nella terapia di base per l'epatoma-galia per alleviare la condizione del paziente.

Le misure terapeutiche di uso non farmacologico in epatomegalia includono l'adesione all'assunzione rigorosa dietetica, un regime risparmioso dell'esercizio fisico e della medicina tradizionale.

In una situazione in cui l'epatite si sviluppa sullo sfondo dell'epatite, il trattamento antivirale della droga, così come gli agenti epatoprotettivi, il cui effetto è quello di migliorare la funzione rigenerativa del parenchima epatico (Heptral a una dose giornaliera di 800 mg peroralmente per un lungo tratto) è il legame principale del trattamento.

Nell'epatemegalia causata dai cambiamenti cirrosi nel parenchima epatico, è noto lo sviluppo di danni patomorfologici irreversibili al fegato e pertanto il paziente può recuperare solo dopo il trapianto di un organo sano e la terapia farmacologica in questa situazione è esclusivamente sintomatica. Nella natura virale dell'epatomegalia si devono impiegare farmaci immunomodulanti come Interferon e nella natura autoimmune della cirrosi è indicata la terapia immunosoppressiva con Imuran somministrata per via orale a una dose di 2 mg per kg di peso corporeo.

L'epatomegalia, accompagnata dallo sviluppo dell'insufficienza epatica, è un indicatore per l'uso di terapia diuretica attiva (furosemide per via orale o per via endovenosa ad una dose di 40 mg) e in presenza di indicazioni - laparocentesi.

Il trattamento dell'epatomegalia con l'uso della medicina tradizionale è consentito in qualsiasi fase, ma questi farmaci devono essere considerati esclusivamente in aggiunta alla terapia principale. Un buon effetto epatoprotettivo è posseduto da una zucca grezzo, in modo che i pazienti affetti da moderata epatomegalia mostrano il consumo giornaliero di zucca cruda o al forno.

? L'epatomegalia - quale medico aiuterà ? Se esiste o si sospetta lo sviluppo di epatomegalia, si dovrebbe immediatamente chiedere consiglio da tali medici come un terapeuta, un gastroenterologo.