pleurorrhea


гидроторакс фото Gidorothax è un'accumulazione eccessiva di transudato tra i fogli pleurici parietali e viscerali, che è una complicazione di altre malattie e si manifesta come disordini respiratorie e più frequentemente cardiovascolari.

I segni di hydrothorax nascono solo nella situazione in cui la normale relazione tra la pressione osmotica colloidale della parte plasmatica del sangue e la pressione idrostatica capillare verso la prevalenza di quest'ultima. Una caratteristica della patogenesi di hydrothorax è che questo stato richiede molto tempo durante il quale un liquido contenente una quantità limitata di proteine ​​(transudato) nuota attraverso la parete vascolare intatta della rete capillare.

Cause di hydrothorax

Una caratteristica dell'hydrothorax è che questa patologia non rappresenta un'unità indipendente nosologica e si presenta solo come complicazione di altre malattie.

La causa etiopatogenetica più comune dello sviluppo di hydrothorax è l'insufficienza cardiovascolare cronica con concomitanti cambiamenti di stagnazione in tutti gli organi e sistemi. Le principali patologie organiche accompagnate da insufficienza cardiaca sono difetti cardiaci nello stadio della decompensazione e della pericardite . Queste malattie sono accompagnate non solo da un aumento della pressione idrostatica nel sistema della vasca capillare, ma anche da una diminuzione della pressione osmotica colloidale della componente del sangue del plasma.

L'idrothorax a due facce si sviluppa spesso nelle forme gravi di affetto dell'apparato calicotico renale, accompagnato da insufficienza renale ( amiloidosi , glomerulonefrite con sindrome nefrotica). Il meccanismo di penetrazione del fluido nella cavità pleurica in questa situazione è basato su una notevole iperproteinemia.

Nei pazienti con cirrosi del fegato con aspirazioni concomitanti, nel 10% dei casi si forma la hydrothorax sulla destra a causa della penetrazione del liquido ascitico dalla cavità addominale nella cavità pleurica destra attraverso una piccola interruzione dell'integrità della cupola diaframma. Sono osservati anche gli stessi meccanismi patogenetici dello sviluppo di hydrothorax durante la dialisi peritoneale.

Parlare del tipo epatico di idrotorace è possibile solo in caso di accumulo di effusione in una o entrambe le cavità pleuriche con un volume superiore a 500 ml, a condizione che non vi siano cambiamenti nell'attività cardiaca e polmonare. La localizzazione preferita della hydrothorax della genesi epatica è la cavità pleurica destra, che è almeno l'80% dei casi.

Nonostante il fatto che le neoplasie tumorali degli organi mediastiniche sono una patologia rara, nella maggior parte dei casi questa malattia è accompagnata dallo sviluppo di segni di hydrothorax con accumulo nelle cavità pleuriche della linfa.

L'unica condizione per escludere l'aspetto dei segni di idrothorax è l'obliterazione completa delle foglie della pleura viscerale e parietale.

Segni e sintomi di hydrothorax

La piccola hydrothorax (fino a 150 ml di volume di fluido), che è diventata una complicazione di una o di un'altra patologia organica, non influenza mai la gravità della malattia sottostante, mentre il totale idrotorale può avere manifestazioni cliniche indipendenti a causa della compressione degli organi mediastinici e parenchimi polmonari.

La forma più comune di accumulazione del transudato tra la pleura è la hydrothorax bilaterale e destra, mentre la hydrothorax isolata a sinistra è estremamente rara. Nei pazienti con grave malattia cardiovascolare si osserva spesso un accumulo associato di liquido in eccesso, non solo nelle cavità pleuriche, ma anche addominali, pericardiche, nonché nel grasso sottocutaneo.

L'esordio delle manifestazioni cliniche, di norma, ha un corso graduale e la sintomatologia si sviluppa solo quando un grande volume di liquido si accumula in una o entrambe le cavità pleuriche. I più comuni reclami che i pazienti con idororaco fanno sono: gradualmente aumentando la dispnea, una sensazione di pesantezza nelle parti inferiori della cavità toracica, una sensazione di mancanza di respiro. A differenza di pneumotorace, con l'accumulo di liquido presente nelle cavità pleuriche, non esiste alcuna sindrome dolorosa e febbre, in quanto non vi è componente infiammatoria nel transudato.

Quando un esame obiettivo visivo del paziente viene determinato l'acrocyanosis della pelle e la limitazione della metà interessata del petto con la localizzazione unilaterale del processo. In alcuni casi, anche al primo contatto con il paziente, si può sospettare di avere un idrostorato, poiché per l'eliminazione della dispnea il paziente occupa la posizione tipica "sour" o "situata sul lato interessato" tipica di questa patologia.

Le caratteristiche caratteristici dell'hydrothorax durante la percussione dei polmoni sono la presenza di un suono di percussione a punta con un bordo superiore obliquo localmente al di sopra del sito dell'assunzione del fluido presunto e i sintomi ausculatori sono la totale assenza di respirazione vescicolare sopra l'area interessata. Con l'effusione pleurica pronunciata, i limiti di percussione della dullness cardiaca relativa sono spostati, come una riduzione dell'effetto di compressione del fluido negli organi mediastinici.

In una situazione in cui, oltre all'accumulo di liquidi nella cavità pleurica, si osservano segni di ascite e anasarca, il paziente ha un ingrandimento addominale visibile con collaterali venosi allargati nella parete anteriore anteriore, nonché un marcato rigonfiamento dei tessuti molli.

Le caratteristiche dell'immagine clinica sono la hydrothorax, che appare sullo sfondo della cirrosi epatica con segni di ipertensione portale . Nei pazienti con alterazioni cirrotiche nel fegato si manifestano sintomi di insufficienza respiratoria anche con una piccola quantità di effusione pleurica. I pazienti con idrothorax epatico sono soggetti a complicanze sotto forma di peritonite batterica spontanea e empiema batterico concomitante della pleura.

L'infezione della cavità pleurica contenente effusioni è accompagnata da un significativo deterioramento della condizione del paziente: l'apparenza di un dolore di cucitura nel petto, una forte febbre, un aumento dei fenomeni di encefalopatia. I più comuni empiemi patogeni della pleura nell'idrothorax epatico sono Escherichia coli e Klebsiella.

Diagnosi dell'hidrothorax

La diagnosi qualitativa tempestiva di hydrothorax influenza in modo significativo il processo di recupero del paziente e consiste nel seguente algoritmo di misure laboratorio-strumentali:

- un esame primario del paziente con un'accurata raccolta di anamnesi della malattia e chiarimento dei reclami del paziente;

- un esame obiettivo del paziente con palpazione, ausculazione dei polmoni e del cuore, percussioni dei confini del cuore e suono polmonare;

- Metodi di radioterapia della diagnosi della cavità toracica (radiografia, ecografia, tomografia computerizzata);

- La puntura pleurica diagnostica seguita da uno studio citologico e microbiologico del punctato.

Il metodo più accessibile e facile da usare per la diagnosi di hydrothorax è la fluoroscopia, che consente non solo di rilevare la presenza di fluido nella cavità pleurica, ma anche di stabilire il volume approssimativo di effusione, nonché di valutare lo stato degli organi mediastinici. I caratteristici segni sciolici dell'hydrothorax sono la presenza di un oscuro omogeneo di diverse dimensioni con il bordo superiore superiore obliquo, il profilo inferiore del diaframma adiacente alla cupola, spostato durante i movimenti respiratori. Il seno pleurico in questa situazione non è possibile visualizzare. In presenza di una limitata quantità di effusione, la radiografia è raccomandata nella posizione "sdraiata sul lato dolente".

In una situazione in cui c'è una grande quantità di fluido in una delle cavità pleuriche, si creano condizioni per la compressione degli organi mediastinali che sul roentgenogram sembra lo spostamento dell'ombra media verso il lato sana più nelle parti inferiori.

La scansione ad ultrasuoni delle cavità pleuriche consente di valutare con precisione la quantità di effusione, tuttavia in questo metodo di ricerca non è possibile stimare l'effetto dell'effusione esistente sulla funzione polmonare. Il metodo ultrasonico viene utilizzato con successo per eseguire la puntura pleurica.

Il metodo più informativo per la diagnosi di hydrothorax al momento attuale è la tomografia computerizzata, poiché oltre a stabilire la presenza di una piccola quantità di liquido nella cavità pleurica, questo metodo di visualizzazione consente di determinare in modo affidabile la patologia che è la causa principale di idrotorace, che ha un ruolo importante nel determinare le tattiche del trattamento del paziente.

La puntura pleurica diagnostica viene eseguita dopo la diagnosi della diagnosi "hydrothorax", stabilita con l'aiuto di tecniche di radioterapia. Lo scopo della sua attuazione è quello di esaminare il punctato pleurico per la presenza di una componente infiammatoria, uno studio citologico e in alcuni casi la prestazione di un inoculo batterico per determinare gli agenti causali di malattie infettive specifiche.

La puntura pleurica o la pleurocentesi è una manipolazione chirurgica minimamente invasiva che può essere eseguita non solo dal chirurgo ma anche dal pulmonologo. Questa manipolazione medica non richiede una preparazione specifica del paziente e viene eseguita in anestesia locale.

Per realizzare la toracentesi, viene utilizzato un ago "di trocar" speciale di largo diametro, avente un collegamento con un adattatore di gomma, al termine della quale esiste un sistema per pompare il contenuto della cavità pleurica. La posizione migliore del paziente durante la puntura pleurica è la posizione "seduta con l'inclinazione della metà superiore del torace in avanti". Come anestetico, viene utilizzato Novocain, con il quale viene tagliato il sito di punzione prospettico (il settimo spazio intercostale nella linea ascellare anteriore). Dopo aver eseguito la manipolazione, è sempre necessario applicare una benda sterile stretta e il paziente è tenuto ad aderire a questa giornata di riposo.

Malgrado il fatto che la puntura pleurica non richiede un intervento chirurgico massiccio, può manifestarsi complicazioni sotto forma di: violazione dell'integrità del polmone, del fegato o del diaframma, seguito da sanguinamenti intrapleurali, embolia aerea dei vasi sanguigni che forniscono il cervello. Al fine di diagnosticare le complicazioni della puntura pleurica, è necessario eseguire un esame radiografico del corpo degli organi toracici.

I metodi di ricerca del laboratorio vengono utilizzati per chiarire la natura del verificarsi di idrotorace. Tra le attività diagnostiche più utilizzate:

- analisi delle urine generali (come regola, è rilevata la proteinuria di diversa gravità, un aumento della densità relativa delle urine e un aumento del numero di eritrociti e leucociti, indicativi dello sviluppo del glomerulonefrite);

- i cambiamenti nel test di sangue biochimico in misura maggiore influenzano il contenuto quantitativo di proteine ​​nel sangue con la ridistribuzione delle frazioni proteiche (abbassamento delle albumine nel sangue);

- analisi generale del punctato pleurico (con effusione idrotorica è un liquido chiaro di colore giallo chiaro con un maggior contenuto di proteine ​​superiore a 20 g / l e una densità relativa inferiore a 1.015);

- effettuare il test Rivalta (con idrotorace è negativo);

- analisi citologica del punctato per la presenza di cellule tumorali atipiche;

- analisi batteriologica del punctato pleurico per la presenza di patogeni specifici malattie infettive (mycobacterium tuberculosis).

Una puntura pleurica risultante da una puntura della cavità pleurica di un paziente con idrotorace epatico è anche un transudato, ma presenta alcune peculiarità: il contenuto proteico è inferiore a 25 g / l, il rapporto tra la proteina pleurica e il siero è inferiore a 0,5, l'acidità è maggiore di 7,4

Per diagnosticare il tipo epatico di idrotorace, osservato con grave grado di cirrosi, vengono utilizzati metodi chirurgici per visualizzare i difetti del diaframma e determinare i loro tipi (blister, crepe) per la successiva determinazione del volume del trattamento chirurgico.

L'individuazione di cellule atipiche nel punctato pleurico indica un processo di malignità. Un paziente con tali cambiamenti necessita di un follow-up con toracoscopia con una biopsia pleurica.

Trattamento di hydrothorax

A causa del fatto che l'idrotorace non è una malattia indipendente, ma una complicazione di altre patologie, nel determinare le tattiche della gestione del paziente e del suo trattamento, è necessario affidarsi all'identificazione della patologia sottostante, che è diventata la causa principale dell'accumulo di liquidi nelle cavità pleuriche e nella condotta della terapia etiopatogenetica. In assenza di adeguata terapia della malattia sottostante, si osserva un'ulteriore progressione della hydrothorax e il verificarsi di gravi patologie respiratorie e cardiovascolari.

In una situazione in cui l'idrothorax è una complicazione della patologia cronica del sistema cardiovascolare, accompagnata da mutamenti stagnanti nei polmoni, il trattamento dovrebbe iniziare con una correzione del comportamento del paziente e la nomina di una dieta razionale. Quindi, il paziente dovrebbe aderire alla corretta modalità ottimale di lavoro con la normalizzazione del sonno notturno, oltre all'esclusione di effetti stressanti, accompagnati da un sovraccarico psico-emotivo. La correzione del comportamento alimentare implica l'uso di una dieta frazionata con una restrizione di sale commestibile e l'assunzione giornaliera di liquido.

Il trattamento conservativo di questo gruppo di pazienti è quello di aumentare la contrattività del muscolo cardiaco e, a tale scopo, vengono utilizzati preparati del gruppo di glicosidi cardiaci (digoxina 0,25 mg 4 volte al giorno per via orale), inibitori della fosfodiesterasi (teofillina a dose giornaliera di 400 mg per via orale). Al fine di rimuovere il liquido in eccesso dal corpo e prevenire il suo accumulo nelle cavità pleuriche, si raccomanda di prescrivere sistematicamente farmaci diuretici: inibitori dell'anidrasi carbonica (Diacarb in una dose giornaliera di 250 mg al mattino), diuretici tiazidici (Indapamide 0,25 mg al mattino), diuretici risparmiatori di potassio dose di 200 mg). Per ridurre il precarico sul cuore sinistro, in questo caso è appropriato l'uso di inibitori ACE (Captopril a 6,25 mg 2 p / die per via orale), dei vasodilatatori periferici (nitroglicerina 5 mg sublingualmente 2 p / die).

Se lo sviluppo di idrotorace è dovuto a gravi patologie renali accompagnate da sindrome nefrotica edemato, il trattamento del paziente dovrebbe iniziare con un resto restante rigoroso e la nomina di una dieta speciale con l'eccezione completa del sale da tavola e del controllo delle diuresi (il volume dell'urina assegnata non dovrebbe in nessun caso essere inferiore alla quantità ubriaca per giorno di fluido).

Allo scopo di correggere la composizione proteica del sangue si raccomanda una trasfusione di sostituzione del 20% dell'albumina con un corso di almeno cinque infusioni e un solo volume di 150 ml, nonché la somministrazione contemporanea di farmaci che impediscono l'eccessivo rilascio di proteine ​​nelle urine (ramipril a dose giornaliera di 2,5 mg per via orale) . Un effetto positivo sul controllo dell'eccessivo accumulo di liquidi è la somministrazione di farmaci diuretici utilizzati da corsi a lungo termine.

Nell'hydrothorax epatica, il metodo principale di trattamento è il trapianto di fegato, nonché i metodi palliativi di terapia (uso di un adeguato regime di terapia diuretica, thoracocentesis terapeutica e, se necessario, massiccia terapia antibatterica utilizzando cefalosporine della terza generazione in combinazione con fluoroquinoloni).

In assenza di un notevole miglioramento clinico nella condizione del paziente, nonostante le attuali misure di trattamento conservative, si raccomanda l'uso di metodi operativi di trattamento (chiusura di difetti diaframmatici, l'imposizione di uno shunt).

In una situazione in cui esiste un totale idrotorace o se i metodi conservativi di trattamento sono inefficaci, è necessario effettuare una puntura terapeutica della cavità pleurica al fine di ridurre il rischio di disturbi respiratori e cardiovascolari acuti.

Le condizioni obbligatorie per la puntura sono l'evacuazione lenta graduale del fluido in piccoli volumi, in quanto l'evacuazione di un gran numero di effusioni pleuriche comporterà inevitabilmente disturbi acuti di emodinamica centrale.

Data la diagnosi tempestiva di hydrothorax e un adeguato volume di misure terapeutiche, la prognosi per il recupero è relativamente favorevole. Quando si somministra un paziente con idororaco, è sempre necessario ricordare il rischio di infezione delle cavità pleuriche e la trasformazione del transudato in essudato con l'ulteriore sviluppo di sintomi di empiema pleurico, che è difficile da curare.

Come misura preventiva per prevenire lo sviluppo della ricorrenza di hydrothorax, un buon effetto dell'uso a lungo termine della medicina tradizionale, avente un effetto diuretico. A questi strumenti sono diverse tinture a base di prezzemolo: un cucchiaino di prezzemolo tritato deve essere cotto in due tazze di acqua bollente per 12 ore, quindi strappare attraverso un setaccio e prendere 1 cucchiaio. prima di ogni pasto.