Infarto miocardico

инфаркт миокарда фото L'infarto miocardico è una delle forme cliniche di IHD, che è accompagnata dallo sviluppo della necrosi ischemica miocardica dovuta a disturbi circolatori di questo sito. Secondo le statistiche, questa malattia si sviluppa più spesso nei maschi (le donne sono due volte più rare) nell'età l'intervallo da quaranta a sessanta anni. Il rischio di morte con infarto miocardico è particolarmente elevato durante le prime due ore dall'inizio

Infarto miocardico - cause

Nella maggior parte dei casi, l'infarto miocardico è suscettibile a persone che non sono abbastanza attive modo di vita sullo sfondo del sovraccarico psico-emotivo. Tuttavia, uno stile di vita sedentario non è un fattore determinante nello sviluppo di questa malattia e un attacco di cuore può improvvisamente colpire anche i giovani con una buona forma fisica. Le principali ragioni che contribuiscono allo sviluppo dell'infarto miocardico includono: cattive abitudini (fumo, bevente alcolico), ipertensione, inadeguata attività motoria, sovrabbondanza di assunzione di grassi animali, malnutrizione, sovraesposizione, obesità . Nelle persone fisicamente attive, la probabilità di sviluppare un attacco di cuore è parecchie volte inferiore a quella dei principali a causa di determinati motivi, uno stile di vita sedentario.

Il cuore è un sacco muscolare che funziona come una pompa e sonda attraverso sé. La fornitura del muscolo cardiaco stesso con l'ossigeno si svolge attraverso i vasi sanguigni ad esso appropriati dall'esterno. Per qualche motivo, alcune di queste navi sono ostruite da placche aterosclerotiche e pertanto non possono superare le quantità necessarie di sangue. Sviluppa la malattia cardiaca ischemica (CHD). L'infarto miocardico si sviluppa come risultato di una improvvisa completa arresto dell'alimentazione di sangue di una parte del muscolo cardiaco a causa dell'occlusione dell'arteria coronarica. Molto spesso ciò porta ad un trombo sviluppato su una placca aterosclerotica, molto meno spesso - uno spasmo dell'arteria coronarica. Una porzione privata del muscolo cardiaco muore. Infarct - tessuto morto (lat.)

Infarto miocardico - sintomi

Il principale sintomo tipico di questa malattia è dolore intenso nel cuore e dietro il petto. Il dolore si presenta inaspettatamente, nel più breve tempo possibile, raggiungendo un alto grado di gravità e "dando" allo spazio interscapolare, alla scapola sinistra, alla mascella inferiore e al braccio sinistro. A differenza del dolore osservato con l'angina, il dolore dell'infarto miocardico è molto più intenso e non si allontana dopo l'assunzione di nitroglicerina (talvolta non eliminata anche da iniezioni di morfina). In questi pazienti è necessario prendere in considerazione la presenza di IHD nel corso della malattia, nonché lo spostamento del dolore nel braccio sinistro, nella mascella e nel collo. Inoltre, nelle persone anziane questa malattia può manifestarsi in forma di mancanza di respiro e di perdita di coscienza.

Nel 50% dei pazienti, i precursori dell'infarto sono cambiamenti di intensità e frequenza degli attacchi di angina. Essi diventano più testicoli, si verificano molto più spesso già con poca stress fisico (a volte possono anche verificarsi a riposo), durano più a lungo e nei loro intervalli nell'area del cuore c'è una sensazione di pressione o dolore sordo. A volte un attacco di cuore può essere preceduto non dal dolore, ma da vertigini e manifestazione di debolezza generale.

Nel 15% dei pazienti l'attacco del dolore dura non più di un'ora, nel 40% dei pazienti da due a dodici ore, nel 45% dei pazienti - circa un giorno.

In alcuni pazienti, l'infarto miocardico è accompagnato da shock e crollo improvvisamente. Il paziente pallido, si sente vertiginoso e debole, diventa sudato, può verificarsi una perdita a breve termine di coscienza, nausea, vomito, diarrea (raramente). Il paziente è infestato da una sensazione di sete intensa. La pelle si bagna, prendendo gradualmente una tinta grigia-grigia e la punta del naso e degli arti è fredda, la pressione sanguigna scende bruscamente (a volte non si può determinare affatto). L'impulso sull'arteria radiale non viene praticato né a tensioni molto basse. Durante il crollo, il numero di battiti cardiaci può essere leggermente ridotto, leggermente ingrandito o normale (tachicardia è più comune), la temperatura corporea è leggermente aumentata. Se il crollo e lo stato d'urto continuano per molte ore e anche un giorno, la prognosi di un esito normale è notevolmente peggiorata. Con infarto miocardico si possono osservare gravi anomalie del tratto digestivo - paresi dell'intestino, dolore nella regione epigastrica, nausea e vomito. Non si possono osservare gravi violazioni dal lato del sistema nervoso centrale - svenimento, perdita di coscienza a breve termine, debolezza generale, difficoltà ad eliminare perseveranti singhiozze. Con infarto miocardico si possono verificare gravi violazioni della circolazione cerebrale, manifestate da paresi, convulsioni, coma, disturbi del linguaggio.

Oltre ai sintomi specifici descritti sopra, i sintomi generali possono essere osservati nei pazienti: il numero di eritrociti aumenta nel sangue e si verificano altri cambiamenti biochimici, la febbre appare, la temperatura corporea non supera la soglia di 38 * C инфаркт фото

Le forme cliniche di infarto miocardico :

- forma asmatica (la malattia inizia con un colpo di asma cardiaco)

- forma angina (un attacco di cuore inizia con attacchi di dolore nel cuore e dietro il petto)

- forma addominale (inizia con fenomeni dispeptici e dolori nell'addome superiore)

- forma di collasso (la malattia precede il collasso)

- forma cerebrale (la malattia inizia con sintomi neurologici focali)

- Forma mista

- forma indolore (inizio del latente infarto miocardico)

Forme atipiche di infarto miocardico

Oltre alla caratteristica di un attacco di cuore che strappa il dolore acuto dietro lo sterno, si distinguono diverse forme di infarto, che non si manifestano in alcun modo, o mascherano altre malattie degli organi interni.

. Infarto senza dolore . Questa forma si manifesta con una sensazione di disagio nel torace, una marcata sudorazione, un deterioramento dell'umore e del sonno. Questa forma di attacco cardiaco è più comune nella senilità e nella vecchiaia, in particolare con il diabete concomitante.

. Forma asmatica di infarto miocardico . Questo tipo di infarto miocardico dalle sue manifestazioni è molto simile a un attacco di asma bronchiale e si manifesta con una sensazione di congestione nel petto e da una tosse nausea secca.

. Forma gastrite di infarto miocardico . Sulla sintomatologia ricorda molto un'esacerbazione di una gastrite ed è caratterizzata dal dolore espresso in un'area epigastrica. Con palpazione si nota l'intensità e la dolorosità dei muscoli della parete addominale anteriore. Nella variante gastrite, le parti più basse del miocardio del ventricolo sinistro adiacente al diaframma sono maggiormente colpite

Diagnosi dell'infarto miocardico

La diagnosi è basata su una valutazione clinica della condizione generale del paziente e dopo la diagnosi differenziale con malattie quali la pericardite acuta, l'esfoliazione aneurisma aortica, l'embolia polmonare e il pneumotorace spontaneo. Uno dei principali metodi diagnostici è l'elettrocardiografia (ECG), sulla base della quale si può giudicare la localizzazione e l'estensione del danno miocardico e la prescrizione del processo sviluppato. Per l'infarto, la variabilità dei conti del sangue di laboratorio è caratteristica: il livello di marcatori cardiospecifici - cardiomiociti

Infarto miocardico - trattamento

L'obiettivo principale del trattamento di un paziente con infarto miocardico acuto è il più rapidamente possibile il rinnovo e l'ulteriore mantenimento della circolazione del sangue nell'area interessata del muscolo cardiaco. Per questo sono usati i seguenti farmaci:

- Acido acetilsalicilico (aspirina) - a causa della soppressione delle piastrine, è evitata la formazione di trombi

- Prasugrel, ticlopidina, clopidogrel (Plavix) - impediscono anche la formazione di un trombo, ma sono molto più potenti dell'aspirina

- Bivalirudina, Frakssiparin, Lovenox, Eparina - Anticoagulanti, che impediscono la formazione e la diffusione di coaguli di sangue e agiscono sulla coagulabilità del sangue

- Reteplase, Alteplase, Streptokinase - trombolitiche potenti, in grado di dissolvere un trombo già formato

Tutti i farmaci sopra citati sono combinati e vitali per il successo del trattamento dell'infarto miocardico.

Il miglior metodo moderno di ripristino del flusso sanguigno nell'arteria coronarica è l'immediata angioplastica dell'arteria coronarica con la successiva installazione di uno stent coronarico. Se, per qualche ragione, l'angioplastica non può essere eseguita durante la prima ora dell'infarto, gli agenti trombolitici sono preferiti.

Nel caso in cui tutte le misure di cui sopra siano impossibili o non aiutino, l'unico modo per ripristinare la circolazione del sangue (recupero del miocardio) è quello di eseguire un innesto coronarico a bypass.

I più critici sono il primo giorno della malattia. L'ulteriore prognosi dipende direttamente dal grado di danno al muscolo cardiaco, dalla tempestività delle misure adottate e dalla presenza di malattie cardiovascolari concomitanti.