Fallimento del fegato


печеночная недостаточность фото L'insufficienza epatica è un complesso di sintomi caratterizzati da una violazione di una o più funzioni epatiche a causa del danno al parenchima. Il fegato non è in grado di mantenere la costanza dell'ambiente interno nel corpo a causa di incapacità di soddisfare le esigenze del metabolismo nell'ambiente interno.

L'insufficienza epatica comprende due forme: croniche e acute. Ma è comunque possibile allocare 4 gradi di insufficienza epatica: un coma, distrofico (terminale), scompensato (espresso), compensato (iniziale). Non è escluso lo sviluppo di un fascio di fegato veloce, in cui la probabilità di un esito letale è abbastanza elevata.

La malattia può provocare lo sviluppo di encefalopatia - un complesso sintomatico di vari disturbi del sistema nervoso centrale. Questa è una complicazione rara, in cui un esito letale raggiunge il 90%.

Il meccanismo patogenetico dell'insufficienza epatica distingue:

- insufficienza epatica endogena (epatica-cellulare), che procede, che colpisce il parenchima del fegato;

- esogene (portocaval, portosystem). Le tossine, l'ammoniaca, il fenolo vengono assorbite negli intestini e poi entrano nel flusso sanguigno totale attraverso le anastomosi del portocavale dalla vena portale;

- Mixed include i meccanismi sopra indicati.

Fallimento epatico della causa

Lo sviluppo di insufficienza epatica acuta è spesso dovuto alla presenza di varie malattie epatiche o epatite virale acuta. La formazione di encefalopatia epatica nella forma acuta della malattia può verificarsi molto raramente, ma non oltre l'8a settimana dall'inizio della manifestazione dei primi sintomi.

Le cause più comuni di insufficienza epatica sono la medicina e la forma fulminante di epatite virale A, B, C, D, E, G. E anche a causa di avvelenamento con anidride carbonica, aflatossina, micotossina, tossine industriali, abuso di alcol, farmaci, setticemia . I virus di scandole e semplici licheni, mononucleosi infettiva, herpes e citomegalovirus provocano spesso lo sviluppo di questa malattia.

L'insufficienza epatica cronica si forma in presenza di progressione della malattia cronica del fegato ( cirrosi , neoplasie maligne). Il più spesso si sviluppa grave insufficienza epatica nelle persone con epatite A all'età di più di 40 anni, precedentemente diagnosticata con malattie epatiche (spesso dipendenti da tossicodipendenze). La più grande minaccia è l'epatite E per le donne in gravidanza, come nel 20% dei casi si sviluppa insufficienza epatica.

Le malattie infettive ( tubercolosi , febbre gialla), l'adenovirus, il virus di herpes simplex, il citomegalovirus , il virus di Epstein-Barr sono molto meno probabili a causare lo sviluppo di insufficienza epatica.

In caso di sovradosaggio di farmaci può verificarsi un guasto al fegato di Paracetamolo. Più basso è il dosaggio del farmaco, meno le lesioni del fegato e la prognosi è più favorevole. I farmaci analgesici, i sedativi, i diuretici raramente provocano lo sviluppo di insufficienza epatica. Tuttavia, alcuni funghi (Amanita phalloides, ecc.) Possono condurre allo sviluppo di questa condizione.

Avvelenamento con toxoide può portare alla formazione di insufficienza epatica in 4-8 giorni e il risultato letale raggiunge il 25% dei casi. Inoltre, l'avvelenamento con fosforo giallo, aflatossina, tetracloruro di carbonio e altre tossine può causare la malattia a formare.

L'ipoperfusione del fegato, sviluppata a causa della sindrome di Badd-Chiari, della malattia veno-occlusiva, dell'insufficienza cardiaca cronica , può portare allo sviluppo dell'insufficienza epatica. Infiltrazione massiccia di cellule tumorali con metastasi o linfoma (adenocarcinoma pancreatico, cancro polmonare a piccole cellule), malattia di Wilson-Konovalov e altre malattie epatiche metaboliche che possono manifestarsi con sintomi di insufficienza epatica contribuiscono allo sviluppo della malattia.

La rara causa di insufficienza epatica è: scossa termica dovuta all'ipertermia, resezione del fegato con cirrosi, traumi sordi, intervento chirurgico (trasgressivo intraepatico portosistemico o portafoglio), sindrome di Reye, distrofia epatica acuta della donna in gravidanza, epatite autoimmune, galattosemia , tirosinemia, protoporfiri eritropoietica.

È possibile lo sviluppo della malattia dovuta a disturbi dell'elettrolito (ipocalemia), condizioni che sono accompagnate da un aumento del contenuto proteico nell'intestino (una dieta con un gran numero di proteine, sanguinamento gastrointestinale).

L'insufficienza epatica fulminante è dovuta principalmente alle malattie ereditarie (malattia di Wilson-Konovalov), all'epatite autoimmune e virali e come conseguenza dell'assunzione di droga (Paracetamolo) e dell'avvelenamento con sostanze tossiche (ad esempio, tossine pale pallide).

A causa di stress acuto metabolico, disturbi del metabolismo dell'elettrolito, infezioni, sanguinamento delle vene varicose in pazienti con malattie epatiche croniche e shunts portosistemici, possono verificarsi encefalopatia epatica. Inoltre, i motivi della formazione di encefalopatia epatica possono essere: parabdominocementi, carcinomi epatocellulari , aumento della proteina nella dieta quotidiana (se sono gravi malattie epatiche), progressione della malattia cronica del fegato, abuso di alcol, assunzione di farmaci (paracetamolo, diuretici, sedativi, , peritonite spontanea in presenza di ascite, malattie infettive del petto e degli organi del tratto urinario, sanguinamento esofageo e gastrointestinale.

La formazione di encefalopatia epatica nell'insufficienza epatica è probabilmente associata a una compromissione della composizione del sangue elettrolitico e dell'equilibrio acido-base (azotemia, ipoclorina, iponatria, acidosi metabolica, ipocalemia, alcalisi metabolica e respiratoria). Inoltre, con insufficienza epatica, vi sono violazioni dell'emodinamica e dell'omeostasi: iper e ipotermia, cambiamenti nella pressione idrostatica e oncotica, flusso sanguigno collaterale e ipertensione portale , disidratazione, ipovolemia, batteremia, ipossia.

L'encefalopatia, secondo la teoria, si sviluppa sotto l'influenza di sostanze tossiche (tirosina, fenilalanina, fenolo, ammoniaca) che penetrano nella barriera emato-cerebrale accumulandosi nel cervello, interrompono le funzioni delle cellule del sistema nervoso centrale.

Sintomi di insufficienza epatica

In caso di alterazioni del sistema nervoso centrale, i pazienti con insufficienza epatica presentano sintomi di encefalopatia. Le manifestazioni più rare sono la mania e l'ansia motoria. La malattia è caratterizzata da tremore (movimenti laterali delle dita si verificano con un movimento di flessione-estensivo tagliente nel polso e nel metacarpophalangeal). Simmetriche saranno disturbi neurologici. Nei pazienti che sono in coma, ci saranno sintomi di danni al tronco del cervello pochi giorni o ore prima della morte.

Nei pazienti con insufficienza epatica, è possibile identificare aumentato ittero e neurite. È possibile un aumento della temperatura corporea e delle ascite periferiche e del gonfiore. Ci sarà un odore specifico del fegato dalla bocca, che è causato dalla formazione di dimetilsolfuro e trimetilammina. Forse la manifestazione dei disturbi endocrini ("il fenomeno dei chiodi bianchi", la telangiectasia, l'atrofia dell'utero e delle ghiandole del latte, la calvizie , la ginecomastia, l' infertilità , l'atrofia tessile, la diminuzione della libido).

La fase compensata dell'insufficienza epatica si manifesta con un aumentato ittero, febbre, emorragia, adinamica, disturbi del sonno, umore e comportamento.

La fase espressa decompensata dell'insufficienza epatica si manifesta con i sintomi intensificati della fase precedente (sudorazione, sonnolenza, "battito di battito", discorsi sordi, svenimenti, vertigini , disorientamento, possibili aggressioni, comportamenti inadeguati e odori di fegato dalla bocca).

La fase terminale dell'insufficienza epatica si manifesta con un contatto rotto mantenendo un'adeguata risposta al dolore, alla coscienza confusa, al grido, all'angoscia, all'agitazione, al risveglio difficile, allo stupore.

Il coma epatico è accompagnato dalla perdita di coscienza, alla prima spontaneità dei movimenti e della reazione al dolore, che scompare ulteriormente. C'è una strabismo divergente, la reazione pupillare è assente, c'è un rallentamento del ritmo EEG, rigidità e convulsioni. Mentre il coma diventa più profondo, l'ampiezza diminuirà. L'encefalopatia epatica si manifesta clinicamente come disturbi reversibili della funzione cognitiva, coscienza, disordinazione dei movimenti, tremori, discorsi monotoni, sonnolenza.

La fase 0 di encefalopatia epatica si manifesta con sintomi minimi: nessun tremito, minima interruzione del coordinamento dei movimenti, funzioni cognitive, concentrazione dell'attenzione, alterazione della memoria.

Lo stadio 1 di encefalopatia epatica è accompagnato da un disturbo del sonno e da una violazione del suo ritmo, una violazione del numero di summazione, una diminuzione dell'attenzione, una capacità rallentata di eseguire compiti (intellettuali), irritabilità e euforia.

Nelle 2 stadi di encefalopatia epatica si può osservare una piccola disorientazione nello spazio e nel tempo, una violazione del conto di sottrazione, atassia , vertigini, asterix, discorsi sordi, comportamenti inadeguati, apatia e letargia .

La fase 3 si manifesta per confronto, disorientamento significativo nello spazio e nel tempo, amnesia, disartria, attacchi di rabbia.

A 4 stadi di encefalopatia epatica, un coma si sviluppa quando la reazione allo stimolo del dolore è assolutamente assente.

Insufficienza epatica acuta

Si verifica quando il fegato improvvisamente perde la sua capacità di svolgere le sue funzioni. Spesso c'è un fallimento del fegato lentamente progredito, tuttavia, la forma acuta della malattia si forma durante diversi giorni e presenta gravi complicazioni o risultati in un risultato mortale.

L'insufficienza epatica acuta è dovuta a:

- sovradosaggi di farmaci (Efferalgan, Tylenol, Panadol, anticonvulsivanti, antidolorifici, antibiotici);

- abuso di rimedi popolari (integratori biologici, avvelenamento con menta di palude, sculpin, cava, ephedra);

- virus Herpes, virus Epstein-Barr, citomegalovirus, epatite virale A, B, E e altre malattie virali;

- Avvelenamento da varie tossine in grado di neutralizzare la combinazione delle cellule epatiche (funghi velenosi);

- la presenza di malattie autoimmuni;

- malattie delle vene del fegato;

- disturbi metabolici;

- Malattie oncologiche.

Segni di insufficienza epatica acuta: nausea e vomito, ingiallimento della sclera degli occhi, mucose e pelle, malessere, dolore nell'area addominale superiore destra, disorientamento, incapacità di concentrazione, sonnolenza e letargia.

Fallimento epatico cronico

L'insufficienza epatica cronica deriva dalla progressiva disfunzione epatica dovuta al progressivo corso della malattia cronica di parenchima. Come regola, i sintomi della malattia sottostante si manifestano. Appare fenomeni dispeptici ( diarrea , vomito, anoressia ), febbre, ittero, encefalopatia.

L'insufficienza epatica grave deriva dalla presenza di colelitiasi, tubercolosi, elmintiasi, hepatosio grasso , malattie oncologiche, cirrosi, epatite virale o autoimmune, dipendenza dall'alcol. In rari casi, insufficienza epatica cronica si forma a causa di un disturbo metabolico genetico - glicogenasi, galattosemia, ecc.

Sintomi di insufficienza epatica cronica: nausea, anoressia, vomito e diarrea. La sintomatologia della digestione disturbata deriva dall'uso di cibi affumicati, alimenti fritti e grassi. Forse, la comparsa di febbre ondulata, ittero, lesioni cutanee (palme epatiche, eczema secco e umido, emorragie). I primi sintomi della malattia sono ascites e edema periferico.

L'insufficienza epatica cronica è manifestata da disturbi endocrini: atrofia dell'utero e delle ghiandole mammarie, alopecia, ginecomastia, atrofia testicolare, infertilità. I disturbi neuropsichiatrici si manifestano sotto forma di irritabilità, aggressività, comportamento inadeguato, perdita di orientamento, sordità, co-morbidità periodica, ansia, insonnia e sonnolenza, perdita di memoria, depressione .

Trattamento della malattia epatica

L'obiettivo del trattamento è la terapia della malattia sottostante, che ha contribuito allo sviluppo dell'insufficienza epatica, nonché alla prevenzione e al trattamento dell'encefalopatia epatica. Inoltre, la terapia dipenderà interamente dal grado di insufficienza epatica.

Nel trattamento dell'insufficienza epatica acuta occorre rispettare le seguenti condizioni:

- una posizione individuale di cura;

- Controllo dell'urina, dello zucchero nel sangue e delle funzioni vitali ogni ora;

- monitorare il potassio sierico 2 volte al giorno;

- un test di sangue giornaliero per determinare il livello di albumina, creatina, assicuratevi di valutare il coagulogramma;

- la soluzione fisiologica somministrata per via endovenosa è controindicata;

- Profilassi delle piaghe di pressione.

In caso di insufficienza epatica cronica, è necessario:

- monitorare attivamente la condizione generale, tenendo conto degli aumenti dei sintomi di encefalopatia;

- pesare ogni giorno;

- quotidianamente per misurare la diuresi quotidiana (il rapporto tra la quantità di fluido assegnato al consumo);

- esame del sangue giornaliero per la determinazione della creatina, elettrolita;

- ogni due settimane il livello di albumina, attività bilirubina di fosfatasi alcalina, AlAT, AcAt;

- esecuzione regolare del coagulogramma, misurando il livello della protrombina;

- nel caso dell'ultima fase della cirrosi, è necessario tener conto della possibilità del trapianto epatico.

Il trattamento dell'insufficienza epatica cronica è effettuato secondo il seguente schema:

- nella dieta quotidiana il paziente è limitato all'assunzione di sale e proteine ​​da tavola (non più di 40 g / die);

- Ciprofloxacina viene iniettata per via endovenosa (1,0 g 2 ore / giorno), senza aspettare la determinazione della sensibilità ai farmaci antibatterici e il risultato dell'esame batteriologico;

- Ornitina nella prima fase viene somministrata 7 volte per via endovenosa (dose giornaliera - 20 g), sciogliendo in 500 ml di cloruro di sodio o glucosio.

- Nella seconda fase del trattamento, Hepa-Mertz viene somministrato per due settimane tre volte al giorno (18 g al giorno);

- Entro 10 giorni per 5-10 ml due volte al giorno viene somministrata Hofitol;

- Norma (Dyufaak, Lactulose) nel dosaggio giornaliero iniziale viene introdotto 9 ml con un incremento sequenziale fino a sviluppare una piccola diarrea. Ciò contribuisce a ridurre l'assorbimento dell'ammoniaca;

- con stitichezza è necessario con clistere di magnesio solfato (20 g per 100 ml di acqua);

- Vikasol (vitamina K) per via endovenosa 3 volte al giorno per 1 mg;

- con perdita del sangue, è necessario iniettare il plasma appena bloccato per via endovenosa a 4 dosi e in caso di sanguinamento prolungato dopo 8 ore;

- l'introduzione di soluzioni saline è categoricamente vietata;

- È necessario prendere un complesso di vitamine con l'introduzione supplementare di acido folico. La gestione del magnesio, del fosforo e del calcio contribuisce a mantenere un adeguato metabolismo minerale;

- Kvametel (famotidina) deve essere somministrato per via endovenosa 3 ore / giorno, diluendo in 20 ml di soluzione salina a 20 mg;

- Per aumentare il contenuto calorico dei prodotti alimentari è necessaria l'alimentazione enterale attraverso la sonda.

Per trattare il sanguinamento, non dovreste eseguire punture arteriose e iniettare il plasma fresco congelato per via endovenosa, nonché famotidina 3 volte al giorno.

Al fine di curare l'infezione, è necessaria una terapia antibatterica. Per una corretta selezione medica, è necessario creare una cultura del sangue e dell'urina. Se c'è un catetere nella vena, è necessario raccogliere il materiale da esso. Ciprofloxacina 2 volte al giorno da iniettare per via endovenosa a 1,0 g. Con catetere della vescica è possibile sviluppare oliguria o anuria, in questo caso è necessario irrigare urosepticamente 2 volte al giorno.

Ci sono centri epatopi specialistici in cui i pazienti con encefalopatia epatica in fase 3-4 attraverso una grande membrana porosica di poliacrilonitrile subiscono l'emodialisi. A causa di questo, avviene la rimozione di sostanze a bassa molecola (ammoniaca e altre tossine solubili in acqua).

Con lo sviluppo di epatite fulminante con encefalopatia epatica, il trapianto di fegato viene eseguito se:

- pazienti di età superiore a 60 anni;

- la funzione epatica normale prima di questa malattia;

- in caso di possibilità di mantenere il regime post-trasfusionale per lungo tempo in pieno volume dopo il trapianto di fegato.

Per il trattamento dell'encefalopatia epatica, la terapia dietetica è principalmente utilizzata per ridurre il livello di ammoniaca nel sangue e nella proteina nella dieta. Il contenuto di proteine ​​aumentato aiuta a peggiorare la condizione generale. Nella dieta quotidiana dovrebbe includere prodotti vegetali.

Per pulire l'intestino, è necessario prendere lassativi o mantenere clisteri regolari. Dovrebbe essere preso in considerazione che 2 volte al giorno l'intestino dovrebbe essere svuotato.

La terapia antibiotica viene eseguita sotto stretto controllo della funzionalità del fegato. 1 g di neomicina 2 volte al giorno, 25 mg di metronidazolo 3 volte al giorno, 0,5 g di ampicillina fino a 4 volte al giorno.

Haloperidol è prescritto come sedativo se il paziente ha un'ansia motoria significativa. Quando il sistema nervoso centrale è danneggiato, le benzodiazepine non devono essere somministrate.